Giubbotto sintetico superdry

giubbotto sintetico superdry

Ci è stato sottoposto un caso relativo ad un giubbotto sintetico Superdry che, a conseguenza di un processo di lavaggio ad acque effettuato in lavanderia, ha portato alla segnalazione della comparsa di macchie sul tessuto

Il giubbotto è stato lavato in acqua come permesso dall’etichetta di manutenzione. Non sono conosciute le condizioni del capo prima del lavaggio ma la superficie dello stesso non presenta anomalie o irregolarità.

Lo strato sottostante la lamina esterna ha cambiato colore. Questi tessuti sono realizzati in varie modalità sia utilizzando lamine che depositando pigmenti che poi vengono ricoperti. Nel caso in oggetto abbiamo che si è molto probabilmente staccato e poi riappiccicato lo strato esterno della lamina dal tessuto.

Questa situazione ha determinato delle variazioni di colore dovute alla diversa attaccatura dei vari strati. Il giubbotto sintetico Superdry continua ad essere idrorepellente ma la diversa coesione tra i vari strati che costituiscono il tessuto ha dato origine alla problematica. Infatti se si osserva il capo, parte generalmente dalle cuciture il cambio colore.

Non può essere attribuita alcuna responsabilità alla tintolavanderia per la problematica delle chiazzature del capo. La responsabilità deve essere ricercata o nella vetustà del capo o nella qualità dei materiali impiegati e quindi al produttore del capo che non ha verificato il comportamento dei materiali al lavaggio in acqua consentito dall’etichetta di manutenzione